Un assegno da 80 milioni di euro consegnato agli italiani simbolicamente da piazza della Signoria a Firenze. Beppe Grillo e i parlamentari del Movimento 5 stelle hanno scelto la città del presidente del Consiglio per una delle ultime iniziative della campagna elettorale in vista del referendum del 4 dicembre. La somma rappresenta tutti quei soldi che i grillini hanno restituito allo Stato tagliandosi lo stipendio o rinunciando ai rimborsi elettorali: quasi 20 milioni derivano ad esempio dagli eletti in Parlamento che hanno scelto di rendere metà dello stipendio e la diaria non rendicontata, mentre oltre 8 milioni vengono dalle rinunce dei consiglieri regionali. “Il Movimento 5 stelle”, si legge sul blog, “dalla sua nascita a oggi ha rinunciato, restituito e donato oltre 80 milioni di euro. Il tutto senza stravolgere 47 articoli della Costituzione e senza aspettare nuove leggi (il Pd ha bocciato la proposta taglia-stipendi del M5s). Sono oltre 80 milioni di ragioni per votare No alle bugie del bomba”.

Grillo mostrando l’assegno simbolico ha parlato delle conseguenze politiche del referendum: “A prescindere dal fatto che vinca il Sì o il No, questo Movimento è una realtà che non si può cancellare”, ha detto. E si è poi concesso a fotografi e cameramen scherzando: “Faccio un po’ di predellino”, ha detto e ha imitato il gesto che Silvio Berlusconi fece qualche anno fa in piazza a Milano. Per quanto riguarda l’ipotesi che in caso di vittoria del No ci sia un governo tecnico, Grillo ha risposto: “In Italia non è mai esistito un governo tecnico. E’ sempre stato politico e dietro a un politico c’è sempre un tecnico. Quindi sono parole senza senso”. Se dovesse vincere il No, ha aggiunto rispondendo ai giornalisti, “non so cosa avverrà”. “Spero ci sia la possibilità di votare le persone, di avere una votazione libera, scegliersi una legge elettorale”, ha concluso.

Sul blog di Beppe Grillo è stata pubblicata la lista dettagliata di tutte le restituzioni fatte dalla nascita del Movimento.
Parlamento – Gli eletti di Camera e Senato dall’inizio della legislatura hanno rinunciato a 42.782.512 euro di rimborsi elettorali per le elezioni politiche. I portavoce hanno inoltre restituito 19.493.075 euro tagliandosi metà dello stipendio e la diaria non rendicontata. La maggior parte di questi fondi (circa 17 milioni fino a oggi) sono destinati al fondo per il microcredito creato per finanziare le piccole e medie imprese, mentre 1.646.025 euro sono andati al Fondo ammortamento per i titoli di Stato. L’attività di restituzione con i dettagli delle spese viene rendicontata periodicamente sul sito tirendiconto.it. Gli eletti hanno rinunciato inoltre alle indennità di carica per un totale di 525.485 euro alla Camera e 237.012 euro al Senato.

Regioni – I gruppi M5s che si sono candidati nelle singole regioni dal 2010 hanno rinunciato ai rimborsi elettorali per un totale di 4.773.536 milioni di euro. Anche i consiglieri regionali eletti nelle assemblee hanno scelto di restituire parte del proprio salario per un totale di 8.613.724 milioni di euro. Le cifre variano dalle singole Regioni, a seconda del numero di eletti e dell’anno di elezioni. In Abruzzo ad esempio da giugno 2014 sono stati resi 405.939,73 euro e destinati a un fondo per il credito alle piccole e medie imprese; in Alto Adige-Sud Tirol sono stati raccolti 54.251 euro che sono stati poi versati in parte alla tesoreria della provincia autonoma di Bolzano, al Fondo per le imprese e 8mila euro per un’iniziativa pubblica; in Basilicata da fine 2013 sono 195.099 euro destinati “alle scuole superiori” per comprare materiale; in Campania da giugno 2015 a ottobre sono stati raccolti 305mila euro poi destinati alla ricostruzione di una scuola di Benevento danneggiata dall’alluvione; in Lombardia i fondi raccolti sono stati di 1 milione e 89mila euro; nelle Marche sono stati invece destinati circa 122mila euro a un conto corrente di Banca Etica.

Europa I parlamentari eletti a Bruxelles restituiscono mille euro al mese delle loro indennità per un totale, fino ad oggi, di 479mila euro, che sono stati destinati al fondo per il microcredito nazionale. Il Movimento ha deciso inoltre di rinunciare ai 3 milioni di euro di finanziamenti “per la costituzione di “partiti politici europei e fondazioni europee”.

Donazioni campagna elettorale – Nella somma dei soldi “restituiti allo Stato”, il Movimento cita anche i 420mila euro avanzati dalle donazioni per la campagna elettorale delle politiche 2013. Questi sono stati destinati alla ricostruzione di una palestra a Mirandola (Modena), nella zona che fu colpita dal terremoto del 2012.