“Sono orgoglioso del lavoro svolto come presidente del Gruppo 24 Ore dal 2013 al 2016. Con soddisfazione lascio un’azienda con i conti rimessi in sicurezza”. Parola del numero uno della Fondazione Fiera Milano Benito Benedini, che deve dire addio alla poltrona nel gruppo editoriale di Confindustria. La prima mossa di Vincenzo Boccia, designato a fine marzo come nuovo numero uno di viale dell’Astronomia, è stata infatti quella di avviare un ricambio ai vertici della società che edita Il Sole 24 Ore. E il tandem formato dall’amministratore delegati Donatella Treu e dal presidente Benedini va in soffitta, nonostante quest’ultimo a marzo, presentando l’ennesimo bilancio in perdita (24 milioni di rosso), si fosse detto “estremamente soddisfatto dell’andamento dei ricavi” e di “una squadra vitale e vincente che ha rimesso in moto una macchina straordinaria caratterizzata da grandi competenze”. Non è evidentemente bastato per convincere Boccia, che ha scelto come nuovo presidente del gruppo Giorgio Squinzi, attuale numero uno della lobby degli industriali.

Gli altri componenti della lista di Confindustria per la nomina del nuovo cda de Il Sole 24 Ore sono Luigi Abete, Mauro Chiassarini, Maria Carmela Colaiacovo, Nicolò Dubini, Marcella Panucci, Claudia Parzani, Carlo Pesenti, Livia Pomodoro, Cesare Puccioni, Carlo Robiglio. Per il collegio sindacale la lista comprende Laura Guazzoni e Giovanni Maccagnani come sindaci effettivi, Maria Silvani e Marco Peverelli come supplenti. Edizione srl ha poi depositato una lista relativa alla nomina del Collegio Sindacale di cui fanno parte Luigi Biscozzi quale sindaco effettivo e Fabio Fiorentino come sindaco supplente.