Nove tra politici e funzionari del Partito democratico di Torino hanno patteggiato pene tra cinque mesi e un anno nel processo per le firme false per le liste a sostegno di Sergio Chiamparino nelle elezioni regionali del 2014. Lo ha stabilito nel primo pomeriggio di oggi il gup Paola Boemio accogliendo le richieste dei loro difensori. Soltanto uno degli imputati – Rocco Florio, presidente della Circoscrizione 5 del capoluogo piemontese – è stato rinviato a giudizio. Il giudice ha anche dichiarato falsi i moduli con le firme raccolte illecitamente dagli indagati.

La pena più alta è quella di Cristina Rolando, una funzionaria del partito a cui i sostituti procuratore Patrizia Caputo e Stefano Demontis contestavano il più alto numero di firme false in base alle perizie grafologiche. Appena inferiori le pene per altre tre “falsificatrici”, Tina Pepe (11 mesi), Mara Milanesio e Stefania Ziccarelli (10 mesi per entrambe). Pena mite, sei mesi con la condizionale, al consigliere regionale Pd Daniele Valle. L’indagine non è riuscita a identificare altri autori delle firme false né a chiarire se qualche esponente di peso della segreteria del partito abbia dato l’ordine di raccogliere il maggior numero di firme nel minor tempo possibile.

L’inchiesta era nata da un esposto dell’europarlamentare leghista Mario Borghezio nell’estate del 2014, presentato alla Procura di Torino contestualmente ai ricorsi al Tar dell’ex consigliera provinciale del Carroccio Patrizia Borgarello contro l’elezione di Chiamparino. Dopo aver ottenuto i moduli per la raccolta delle firme a sostegno delle liste elettorali, i due leghisti avevano notato delle grafie molto simili e discrepanze sui tempi e i luoghi delle sottoscrizioni. Se l’inchiesta penale ha portato ai risultati di oggi, di recente il Consiglio di Stato ha ribadito la validità della sua elezione dell’ex sindaco di Torino. Restano in discussione le nomine di alcuni consiglieri regionali dem e forse qualche testa cadrà. Il numero di eletti che perderanno la poltrona sarà stabilito dal Tar al termine del procedimento civile per falso che ora, dopo questa sentenza penale, potrebbe avere un’accelerazione. Per questa ragione i consiglieri regionali del M5S chiedono le dimissioni di otto consiglieri democratici, in particolare quelle di Valle.