Non ci sono soldi per la manutenzione delle strade? “Riduciamo la velocità di tutti i veicoli a 30 chilometri orari”. È la trovata della provincia di Crotone per far fronte alle precarie condizioni delle strade di pertinenza dell’ente. Da alcuni mesi ormai gli automobilisti che vogliono spostarsi da un paesino all’altro devono rispettare il limite di velocità imposto dall’ordinanza firmata dal dirigente dei lavori pubblici, viabilità, mobilità e trasporti, Francesco Benincasa, il quale ha puntato il dito contro la politica mettendo nero su bianco che il provvedimento si è reso necessario “a causa delle criticità economiche in cui versa la Provincia”.

In altre parole, la situazione è questa ed è destinata a rimanere tale. “Passo d’uomo” e circolare quindi. Ecco così risolto il problema delle “numerose buche, avvallamenti, frane e smottamenti, che determinano una sensibile riduzione degli standard di sicurezza per la percorrenza delle stesse“.

L’ordinanza ha carattere temporale ma, se si legge con attenzione, non ci sono i margini per pensare che i disagi degli automobilisti possano durare solo pochi mesi. Negli ultimi esercizi finanziari, infatti, “non sono state stanziate risorse destinate alla manutenzione ordinaria e straordinaria, né se ne prevede lo stanziamento per il presente esercizio finanziario”.

E siccome le buche e gli avvallamenti non si riparano da soli, né tantomeno le frane e gli smottamenti si mettono in sicurezza senza prevedere un minimo di spesa, il destino di chi intende percorrere le arterie provinciali di Crotone è quello di non superare i 30 km orari anche nelle strade in cui, da codice della strada, si potrebbe arrivare a 50 o a 70 km/h. Un modo per scongiurare incidenti e, molto probabilmente, per evitare le responsabilità penali e i risarcimenti chiesti dagli automobilisti costretti a fare i conti con strade che sembrano groviere.

Il provvedimento tocca tutta “rete stradale provinciale extraurbana” ad eccezione, naturalmente, dei “tratti delle arterie già precluse al transito”. Oltre a informare tutti i sindaci della zona, a metà giugno il dirigente Benincasa ha inviato la copia dell’ordinanza (definita “urgente e improcrastinabile in quanto motivata dalla gravità di una situazione che determina un pericolo per la pubblica incolumità”) alla Presidenza del Consiglio dei ministri e al ministero delle Infrastrutture che, quindi, sono informati del fatto che la “regolare transitabilità” non è garantita “secondo gli standard di sicurezza”. Sono passati quasi due mesi, l’estate è praticamente agli sgoccioli e nessuno si è domandato se la Provincia di Crotone è in grado di garantire la manutenzione ordinaria delle sue strade.