Il Milan può contare sul talento del giovane difensore Alessio Romagnoli. Il vertice di Forte dei Marmi tra Adriano Galliani e Walter Sabatini ha portato alla tanto attesa fumata bianca in casa rossonera: la Roma ha accettato la definitiva offerta di 25 milioni più altri 5 di bonus, alcuni facilmente raggiungibili e altri meno.
L’accordo è stato confermato dall’amministratore delegato del Diavolo: “E’ fatta al 99,8 % periodico. Il nove non è periodico”. Lo stesso Sabatini ha poi dato il via libera: “L’accordo c’è, l’operazione verrà formalizzata lunedì”.

Un vertice chiarificatore che porterà tanti soldi nelle casse della Roma: ora il ds Sabatini dovrà essere abile a sistemare la difesa giallorossa nei 20 giorni rimanenti di mercato. Oltre a Romagnoli, infatti, dalla Capitale potrebbe partire a breve anche Mapou Yanga-Mbiwa, destinato al Lione per 9 milioni di euro. Alla Roma servono dunque due centrali, a meno che non si opti per l’arretramento in via definitiva di Daniele De Rossi.

Il Milan trova così il centrale mancino tanto desiderato dal nuovo tecnico Sinisa Mihajlovic. Anche i rossoneri dovranno ora far posto a Romagnoli: il principale indiziato per un addio sembra Gabriel Paletta, ma sul mercato ci sono anche Alex e Cristian Zapata. Romagnoli non risponderà alla chiamata del commissario tecnico dell’Under 21 Gigi Di Biagio per sostenere le visite mediche con il Milan.