La ripresa del mercato dell’auto spinge la ripresa dell’occupazione. Almeno in Germania, dove Bmw ha annunciato che alla luce dell’elevata domanda prevista nel corso del 2015 assumerà 5mila nuovi lavoratori. E il gruppo conta di attivare anche altri 3mila posti di lavoro nel resto del mondo, per un totale di 8mila. “L’elevata domanda significa che abbiamo bisogno di più lavoratori qualificati nei nostri stabilimenti tedeschi così come la nostra rete di produzione internazionale,” ha spiegato la responsabile delle risorse umane Milagros Caina-Andree. L’annuncio è più ottimistico rispetto a quello fatto a metà febbraio da Manfred Schoch, vice presidente del consiglio di sorveglianza della società di Monaco di Baviera, che aveva prefigurato 5.000 nuovi posti di lavoro complessivi.

La società è interessata a reclutare soprattutto specialisti di risparmio energetico e tecnologie alternative, costruzione leggera e software, ha spiegato Caina-Andree. “Accanto agli ingegneri classici, siamo alla ricerca di specialisti e sviluppatori di software, in particolare. Il software è diventato un elemento fondamentale per il funzionamento delle auto e deve essere facilmente comprensibile da parte dei clienti. Ecco perché è importante per noi per sviluppare il nostro software”.

Nel 2014 Bmw ha assunto 7.000 nuovi lavoratori, la metà dei quali in Germania, portando a 110mila i dipendenti impiegati in tutto il mondo.