“Mancava da tredici anni ed ora è ritornato alla grande e sarà terribile” avvisa la redazione web del sito Ilmeteo.it: si tratta del Buran, il vento gelido proveniente dalla Russia che farà piombare nel gelo l’intera Penisola. Si avranno “temperature notturne fino a -10° in pianura, -30° e oltre sulle Alpi, sullo zero anche di giorno su alcune città del Nord, non più di 4/5° diurni al Centro”.  Il Buran “arriverà lunedì – informa ancora Ilmeteo.it – porterà entro la fine dell’anno tanta neve sulle regioni adriatiche fin sulle coste e neve anche a bassissima quota, anche in pianura sulla costa Smeralda, sulle coste settentrionali della Sicilia, su tutta la Calabria”. “Questo vento gelido – conclude la redazione – ci accompagnerà almeno fino ai primi giorni del nuovo anno creando una “ghiacciaia” sull’Italia che preparerà l’avvento della neve copiosa al Nord, per ora prevista intorno al 3 gennaio“.

E come da previsioni, a Milano è iniziato a nevicare intorno alle 10:30. Stando all’ultimo bollettino meteo dell’Arpa, diffuso il giorno di Natale, il cielo resterà coperto per tutta la giornata e le precipitazioni a carattere nevoso sono attese anche in pianura. Scendono anche le temperature: in pianura minime tra -4 e 0 gradi, massime tra 0 e 2 gradi. Ma la neve non interesserà solo il capoluogo lombardo: sono previste per oggi precipitazioni nevose fino in pianura su Lombardia, Emilia-Romagna, Veneto e Friuli Venezia Giulia, fino al fondo valle fino Trentino e oltre i 500-600 metri sulla Toscana.

E dopo il bel tempo di Natale e Santo Stefano la neve, i venti forti e il freddo arriveranno oggi in anche Liguria. Arpa prevede nuvolosità variabile con deboli precipitazioni sparse, sul Levante nuvolosità più densa con possibili isolati rovesci. Deboli nevicate sono attese nell’interno, in particolare sul Centro-Levante, con quota neve generalmente tra i 300 e i 500 metri.

Dal pomeriggio di domani sono previste precipitazioni – a prevalente carattere di rovescio o temporale con frequente attività elettrica e forti raffiche di vento – su Sardegna, Umbria, Lazio, Abruzzo e Molise, con quota neve sulle zone appenniniche in calo dalla serata fino a 700-800 metri. Previsti infine venti forti, con raffiche di burrasca o burrasca forte, dai quadranti occidentali sulla Sardegna e dai quadranti meridionali su Toscana, Lazio, Abruzzo, Molise ed Emilia-Romagna, con possibili mareggiate lungo le coste esposte.