matrimonio gay_er

Giorgio e Adele si sono lasciati. Convivevano da sei anni, ma era già da un paio che le cose non andavano. Lei ha iniziato ad avere voglia di uscire, di vedere gli amici, di ritardare il momento di tornare a casa, più stava fuori e meno aveva voglia di tornare, alla fine se ne è dovuta rendere conto: la loro relazione si era esaurita. Lo dice a Giorgio, per lui andava tutto bene. La chiusura di una relazione è dolorosa, sia per chi la decide, che per chi la subisce, se è condivisa o se non lo è.

Spesso pensiamo che chi si lascia ha in qualche modo esaurito il sentimento, prendiamo le parti di uno o dellaltro, se sono amici o parenti o noi stessi, cerchiamo di attribuire colpe e responsabilità e non consideriamo che lo stare insieme è un percorso, lamore è un percorso che si costruisce insieme, se si interrompe è perché uno o entrambi hanno smesso di costruire. Magari hanno smesso di comunicare da tempo, di mettersi al corrente di qualche delusione vissuta nel rapporto, di preoccuparsi del reciproco benessere e della reciproca serenità.

La distanza affettiva crea le condizioni per qualsiasi cosa. A volte un tradimento può servire a chiarirsi o essere un tentativo di compensazione della sofferenza, un tentativo di soluzione, per salvare la coppia. Chi si sente trascurato può cercare fuori dalla coppia un sostegno temporaneo che gli consente di reggere il momento critico per poi rientrare. A volte la sofferenza è andata troppo oltre e levasione prende la mano.

Nella chiusura i partner affrontano la stessa sofferenza: il dolore del distacco da chi è stato importante, da una relazione che un tempo era speciale, da quello che poteva essere e non è stato o non è più, il senso di fallimento per il progetto interrotto, il senso di vuoto per lo spazio che laltro lascia, uno spazio reale, concreto e uno interiore, affettivo: laltro, sia il lasciato che colui che lascia, ha rappresentato fino a quel momento la conferma della propria identità che ora deve essere cercata altrove, era egli stesso una parte di quell’identità che dovrà essere ricostruita.

Se chi lascia ha iniziato a costruire dentro di sé il distacco tanto tempo prima, senza aggiornare laltro o magari anche senza rendersene conto, al momento della rottura i due si possono trovare in posizioni molto distanti: uno pronto per iniziare unaltra vita, laltro in balia degli eventi

Chi lascia può sentirsi in colpa e avere paura di essere considerato e/o doversi considerare cattivo, insensibile, inadeguato, perché non è più innamorato. Ma forse la sua vera responsabilità è quella di non aver informato laltro del disagio che si vive da tempo, per via di quella difficoltà a parlare e di quell’idea che lui/lei non avrebbe capito.

Chi è lasciato può rimanere incredulo e sentirsi poi abbandonato, triste, disperato, arrabbiato, con il dubbio di doversi attribuire la colpa per la fine, di doverla attribuire a qualche aspetto essenziale di sé, di stimarsi meno. Forse lunica responsabilità che ha è di aver perso il contatto.

Per entrambi c’è il senso di perdita.

Il percorso della separazione non è tanto diverso da quello del lutto anche se la perdita della persona è solo sul piano affettivo: stupore, protesta, disperazione, rabbia, tristezza, rassegnazione e accettazione.

Alla fine di questo percorso pieno di oscillazioni emotive, ognuno avrà ritrovato se stesso e conserverà dentro di sé quel che di buono c’è stato in quella storia.