“Non credo sia nobile aver distrutto la mia vita e quella delle persone che mi circondano per cercare la verità. Avrei potuto fare lo stesso, con lo stesso impegno, con lo stesso coraggio ma con prudenza, senza distruggere tutto. Invece sono stato impetuoso, ambizioso”. E’ amara la riflessione di Roberto Saviano, scrittore e giornalista, che dopo 10 anni dalla pubblicazione di Gomorra e della fatwa della camorra, in una intervista al quotidiano spagnolo El Pais, e ripresa da Il Mattino di Napoli, svela di dover far uso di psicofarmaci 

Alla domanda “se ne è valsa la pena?”, Saviano – da anni sotto scorta e per un periodo di tempo costretto a vivere all’estero – non ha dubbi: “No. E so che quando lo dico, qualcuno può pensare: che codardo. Vale la pena cercare la verità e vale la pena arrivare fino in fondo, ma proteggendoti. Bisogna considerare che non posso disporre della mia vita senza chiedere autorizzazione. Né uscire o entrare quando voglio, né frequentare le persone che voglio senza doverle nascondere nel timore di rappresaglie. A volte mi domando se finirò in un ospedale psichiatricoSul serio –  dice lo scrittore – Già adesso ho bisogno di psicofarmaci per tirare avanti e non era mai accaduto prima. Non ne faccio abuso, ma a volte ne ho necessità. E questa cosa non mi piace per nulla. Per questo spero che prima o poi finisca”.

Saviano, che ha condotto con successo anche un programma televisivo con Fabio Fazio, sembra pentito delle conseguenze delle sue scelte di vita: “Il mio dramma interiore è – confessa ancora -: avrei potuto aver fatto tutto questo ma senza mettere a rischio tutto. Perché, qual è il problema? Se tu anteponi un obiettivo, la verità, la denuncia, a qualunque altra cosa della tua vita, diventi un mostro. Un mostro. Perché tutte le tue relazioni umane e professionali sono orientate a ottenere la verità. Forse alla fine sarà nobile, una cosa generosa. Tuttavia la tua vita non si converte in generosa, le relazioni diventano terribili”.