Pitonessa? E’ un soprannome che deriva da una vecchia barzelletta che non si può raccontare perché siamo in fascia protetta. Era l’unica barzelletta che lei raccontava sempre quando stavamo insieme, anche perché se ne ricordava poche”. Questa la rivelazione di Paolo Santanchè, ex marito di Daniela Santanchè, chirurgo plastico, a La Zanzara su Radio 24. Ma qual è la barzelletta, chiedono i conduttori Giuseppe Cruciani e David Parenzo?: “Quella del coniglio e della pitonessa, fatevela raccontare da lei, è carina. Io non posso, è una barzelletta così sporca” (nella barzelletta la pitonessa è una prostituta che ingoia un cliente, il coniglio, che quando viene sputato fuori esclama: “bestia, che p……o”, ndr). 


video di Gisella Ruccia 

Poi Santanchè dice: “Ci siamo conosciuti quando lei venne da me per rifarsi il naso. Aveva 21 anni. Continuare a portare il mio nome è stata una concessione fatta in sede di divorzio perché all’epoca nel mondo del jetset era conosciuta come mia moglie, e io sono un chirurgo abbastanza conosciuto. Lei sostenne che avrebbe avuto un danno se non gli avessi concesso il cognome, perché nessuno la conosceva con il suo cognome. Ormai non ci penso più, non è un problema assillante, ma è una cosa stravagante e incoerente per una sostenitrice delle donne non portare il suo cognome. Io sono un amante della coerenza che è una virtù in via di estinzione e questa cosa qui non riesco a capirla. Ma io sono un uomo all’antica e ho una parola sola. Abbiamo fatto un accordo e non ritorno sui miei passi”.

“Leggo che lei si vanta di avermi portato un sacco di clienti – dice Paolo Santanchè – ma per fortuna mi sono arrivati da soli. Certo, lei faceva pubbliche relazioni ma quando l’ho conosciuta ero già un chirurgo plastico molto noto perché ero uno dei pochi che faceva la liposuzione”. “Con me Daniela si è rifatta solo il naso – dice ancora Paolo Santanchè – il resto non lo so. Difficile capire da una foto, bisogna vedere i particolari. Può darsi che abbia fatto qualche punturina, l’hanno fatto tutti. Ma non so, non la vedo da tanti anni. Quando io decido di tagliare, taglio”.

Ma lei affiderebbe alla Santanchè l’amministrazione di un condominio?: “Io non darei da amministrare nulla a nessun politico, non conosco un politico a cui affiderei qualcosa, non ci sono persone affidabili. E’ una tragica verità. Non conosco nessun politico che sia una persona affidabile. Però Daniela mi sembra in grado di guidare Forza Italia. Alfano? Un personaggio insignificante. Con Berlusconi lei è stata incoerente, prima contro e poi pasdaran? Sì, a me piacciono altri politici, ma solo i cretini non cambiano idea”.