“Il datore di lavoro ci discrimina perché madri oltreché donne? E noi ci presentiamo al lavoro con i nostri figli in braccio”. Ospedale civile Fornaroli di Magenta, via Donatori del Sangue, provincia di Milano. E’ partita da qui la protesta delle lavoratrici della “Team Service”. Per un intero mese hanno svolto i propri compiti in silenzio subendo le imposizioni dei nuovi capi cantiere della società che ha vinto l’appalto per i servizi di pulizia del centro sanitario lo scorso 1 febbraio. Alle dipendenti, giovani madri, sono stati dati turni infattibili e, dopo aver esposto le proprie difficoltà ai superiori, hanno subito anche la riduzione drastica dell’orario lavorativo.

“Ci impongono il turno 6-9, orario insostenibile avendo dei bambini: iniziando così presto infatti, diventa difficile anche solo portare i nostri figli a scuola o trovare baby sitter disponibili”, spiegano le dipendenti. Sostenute dalla Cub, Confederazione unitaria di base, che ha proclamato uno stato di agitazione e chiesto un incontro con il prefetto, le giovani madri hanno deciso di denunciare la situazione. E lo hanno fatto in un modo gentile, pacato, seppur colmo di rabbia e preoccupazione: recandosi sul posto di lavoro con i propri figli, sotto gli occhi curiosi delle infermiere e dei pazienti. All’azione delle lavoratrici è corrisposta però una reazione non altrettanto pacata da parte dell’azienda: “Come ogni mattina abbiamo indossato la divisa da inservienti, bianca a righe verdi, e alle sei del mattino ci siamo recate puntuali sul luogo di lavoro – racconta Rossella, 30 anni e due bambini piccoli – ma ecco la sorpresa: nell’ufficio non c’erano più i nostri cartellini di dipendenti”.

Puliscono, spazzano per terra, riempiono e svuotano i sacchi dell’immondizia dai pannoloni dei degenti. Lo hanno sempre fatto, senza lamentarsi. Ed è quello che vogliono continuare a fare: è il loro lavoro, un diritto, e ne hanno bisogno per sopravvivere. “Chiedono solo di ottenere un orario più civile, almeno ora che i figli sono piccoli. Iniziare alle 9 invece che alle 6: una convenzione, una collaborazione umana che dovrebbe essere garantita”, dichiara Piero Speciale, funzionario Cub che sta seguendo il caso.  

“Sapete con tre figli piccoli quanto mi costa al mese l’ora di lavoro dalle 6 alle 9 del mattino? 170 euro per l’asilo nido privato, 20 euro per il pre-scuola del figlio che va alle elementari e 280 euro di tata per la mia bimba più piccola, ha appena compiuto dodici mesi”. Se si calcola che queste donne guadagnano 500 euro al mese pur lavorando tutti i giorni, i conti di quanto rimane in tasca a fine mese sono presto fatti.

“Fortunatamente io ho un compagno che mi aiuta – spiega Desy – altrimenti non saprei come fare”. E infatti altre colleghe il ‘lusso’ di lavorare in ospedale pulendo le piastrelle del pavimento e lavare i bagni dei pazienti non possono più permetterselo.