Nuovo attacco a turisti italiani a Mayungu, nelle vicinanze di Malindi, in Kenya. Un commando di sei persone incappucciate ha assaltato con pistole e machete un gruppo di ville private per rapinarle. Un italiano è stato ferito a colpi d’arma da fuoco: trasportato in ospedale sarebbe fuori pericolo. Un altro è stato accoltellato a una mano. La banda si è dileguata portando via oggetti di valore: denaro, macchine fotografiche, computer e gioielli. Il rappresentante consolare di Malindi Roberto Macrì sta seguendo la vicenda sul posto e ha confermato che le condizioni dei feriti non sono gravi.

Secondo quanto riferisce la polizia locale, il commando potrebbe lo stesso che appena due settimane fa assalì una giovane donna italiana in un resort  a Watamu Bay. L’episodio, avvenuto tra il 3 e il 4 febbraio, era stato reso noto solo qualche giorno dopo, l’8 febbraio. Paola Boglio, originaria di Brescia, era sopravvissuta per miracolo a un colpo di pistola che l’aveva ferita alla nuca. Dopo 48 ore di ricovero nell’ospedale di Malindi, aveva fatto rientro in Italia in buone condizioni di salute.

Negli ultimi mesi gli episodi ai danni di violenza ai danni di turisti italiani in Kenya si sono fatti più frequenti. Lo scorso novembre tre italiani subirono un tentativo di rapina a Malindi nel corso del quale riportarono ferite lievi. Secondo alcune fonti locali queste violenze ai danni di turisti sono perpetrate da bande di criminali senza scrupoli in cerca di denaro e oggetti, anche di poco valore, da immettere nel fiorente mercato illegale della zona. Altri sostengono che le aggressioni potrebbero essere legate al clima di tensione pre-elettorale che ha fatto aumentare le violenze in tutto il paese.

Gli italiani che vivono in Kenya sono diverse centinaia, in particolare nella zona di Malindi e dintorni, dove gestiscono attività turistiche e commerciali. Secondo i dati Aire i nostri connazionali iscritti all’albo dei residenti in Kenya nel 2010 erano circa 2.500. A questi si aggiungono coloro che, pur passando diversi mesi nel Paese africano, preferiscono non registrarsi all’albo. Imponente anche il flusso turistico: ogni anno, circa 70mila italiani vanno in vacanza in Kenya ogni anno, con una fascia considerevole di clienti vip.