“Sono indignato come cittadino, prima che come giornalista, dallo sciacallaggio che alcuni noti giornali hanno scatenato questa mattina contro la Procura di Palermo”. Usa parole dure il direttore del Fatto Quotidiano, Antonio Padellaro, per commentare i titoli apparsi questa mattina su alcuni quotidiani. ‘Condannato a morte. Stroncato da un infarto il braccio destro di Napolitano infangato dai pm di Palermo e dai giornali’ è stata, ad esempio, l’apertura scelta dal direttore de Il Giornale, Alessandro Sallusti. Un episodio drammatico come quello del collaboratore del Quirinale Loris D’Ambrosio, dice Padellaro, non può trasformarsi nell’occasione per attaccare la Procura, squalificando il lavoro dei magistrati.

“La nota del quirinale è una nota che non condivido ma capisco e comprendo – spiega Padellaro – è morto un collaboratore esterno del Presidente Giorgio Napolitano, nei giorni scorsi al centro di cronache giudiziarie. È un fatto tristissimo, di fronte al quale tutti quanti dovremmo riflettere senza specularci sopra”.

E poi prosegue: “Credo che oggi alcuni giornalisti e alcuni lettori di Libero o de Il Giornale dovrebbero vergognarsi. La Procura di Palermo non è fatta di assassini. Perché scrivere ‘Condanato a morte’ significa dire che i magistrati sono degli assassini. Mi auguro che la magistratura di Palermo non venga lasciata sola, in un momento di attacco totale e vergognoso come questo”.

Il consigliere giuridico del capo dello Stato Loris D’Ambrosio è morto per un infarto qualche giorno fa, all’età di 65 anni. Nelle settimane scorse era stato coinvolto nella vicenda delle intercettazioni ”trasversali” riguardanti l’ex presidente del Senato Nicola Mancino, rinviato a giudizio per falsa testimonianza nell’ambito del procedimento sulla trattativa Stato-mafia a Palermo.”Era stato esposto a insinuazioni ed escogitazioni ingiuriose” ha detto commosso il presidente Napolitano, commentando la sua scomparsa.