Romano Prodi torna a parlare di evasione fiscale dalla sua Bologna e lo fa con un pizzico di ironia. “Perfino quando ero presidente del Consiglio mi proposero ‘150 con fattura, 100 senza!’”. E commentando il blitz di Cortina, l’ex premier prova a ridimensionare le polemiche: “Avranno pure esagerato coi modi. Se i controlli li avessero fatti ad Abbiategrasso sarebbe stato forse più efficace perché dava il senso generale del Paese. Ma l’immagine che ne emerge – conclude Prodi – è comunque quella di un Italia senza senso collettivo”.

Una lezione piena di pessimismo (o realismo come lo chiama lui), e centinaia di persone zitte zitte per oltre un’ora ad ascoltare il professor Prodi parlare di economia, invitato dal Centro San Domenico. A una domanda sulle dimissioni del sottosegretario Carlo Malinconico, in uno dei pochi momenti non accademici, l’ex presidente della Commissione europea si smarca e la ributta sul tema della moralità: “Non abbiamo mica un Paese con la moralità francescana. Il senso collettivo, a ogni livello, non esiste. Se un quarto non paga le imposte – prosegue Prodi – è chiaro che per chi invece paga il peso è insostenibile”. Infine l’ex premier lancia un grido per il futuro: “Mi appello agli educatori e agli insegnanti: spiegate che l’evasione è un furto che può portare alla catastrofe dell’Italia”.

Per il resto la lectio del Professore, seguita in un silenzio rispettoso, intervallato solo da molti applausi, è una summa delProdi Pensiero degli ultimi mesi. Innanzitutto c’è il distacco crescente tra cittadini e governanti: “Gli spazi di libertà della politica si sono ridotti moltissimo. Gli elettori chiedono sempre di più e i governanti possono dare sempre meno”. Il professore arriva addirittura a prefigurare scenari foschi: “Attenzione, la tentazione di cadere in regimi semi-autoritari non è così lontana, stiamo attenti”. Per evitare lo scollamento inoltre “bisogna fare in modo che la gente senta l’equità perché i sacrifici siano divisi tra tutti”.

Quali le conseguenze di questo distacco? Gli indignati prima di tutto, un movimento che Prodi apprezza ma che non è a suo parere capace di rappresentare una vera alternativa: “Sono un tipo di movimento mai visto prima. Non crescono in numero e non diminuiscono, non hanno un filosofo, né un leader, ma vanno avanti. Da palla di neve il loro movimento non è diventato valanga, ma queste persone tengono accesa una fiamma”.

Indica la sua via d’uscita e bacchetta le ricette politiche di Angela Merkel: “Dobbiamo mettere apposto il bilancio se no la maestra ci picchia, ma questo fa sì che avremo un – 2 % di Pil. Non si possono fare solo politiche restrittive. Non possiamo mica andare avanti con depressioni su depressioni”.I politici europei, conclude Prodi “non hanno la proiezione futura sulle conseguenze politiche delle attuali scelte”.