L’Usigrai, il sindacato dei giornalisti Rai, ha organizzato una maratona di mobilitazione per il servizio pubblico al Piccolo Eliseo di Roma. Durante la serata il grido di allarme della redazione di Presadiretta, programma condotto da Riccardo Iacona. ” Rischiamo – denuncia Francesca Barzini, autrice della trasmissione – di non andare in onda a settembre. Manca la matricola che è la prova dell’esistenza in video di un programma e mancano i contratti dei collaboratori”. Carlo Verna, segretario dell’Usigrai, rilancia la proposta di una Rai liberata dai partiti: ” E’ una grande battaglia civile e democratica. Dopo l’acqua pubblica, l’energia pulita e la legge uguale per tutti, c’è bisogno di un servizio pubblico scena guinzaglio”. All’iniziativa presenti dipendenti, cittadini e lavoratori della Rai, in sala anche Michele Santoro. Sul programma di Annozero, Nino Rizzo Nervo, consigliere del Cda Rai, chiarisce che ci sarà un ordine del giorno in consiglio di amministrazione che dovrà discutere il futuro del programma. Altro tema importante è quello di Report e della tutela legale al programma di Milena Gabanelli. ” Mi chiedo – continua Rizzo Nervo – perché dalla Gabanelli si esiga la rinuncia alle stesse garanzie che sono state assicurate nel contratto di Giuliano Ferrara“. Intanto sembrano slittare alle prossime settimane le nomine ventilate nelle ultime ore  di Nello Trocchia