Un delegato sindacale di Mirafiori è stato licenziato e due delegati sindacali e un lavoratore a Melfi sono stati sospesi. La Fiom ha proclamato 4 ore di sciopero per venerdì 16 luglio di tutti i lavoratori del Gruppo automobilistico. Scrive la Fiom: «Chiediamo alla Fiat di ritirare i licenziamenti ed i provvedimenti di sospensione e di rispettare gli accordi aziendali in vigore nel Gruppo stipulati unitariamente per la tutela del salario e il controllo sulla organizzazione del lavoro». Pino Capozzi, delegato Fiom di Mirafiori, è stato licenziato perchè accusato di aver inviato ad altri lavoratori via internet la lettera degli operai polacchi della fabbrica di Tichy.

Ecco il testo della lettera:

“La FIAT gioca molto sporco coi lavoratori. Quando trasferirono la produzione qui in Polonia ci dissero che se avessimo lavorato durissimo e superato tutti i limiti di produzione avremmo mantenuto il nostro posto di lavoro e ne avrebbero creati degli alti. E a Tychy lo abbiamo fatto. La fabbrica oggi è la più grande e produttiva d’Europa e non sono ammesse rimostranze all’amministrazione (fatta eccezione per quando i sindacati chiedono qualche bonus per i lavoratori più produttivi, o contrattano i turni del weekend)

A un certo punto verso la fine dell’anno scorso è iniziata a girare la voce che la FIAT aveva intenzione di spostare la produzione di nuovo in Italia. Da quel momento su Tychy è calato il terrore. Fiat Polonia pensa di poter fare di noi quello che vuole. L’anno scorso per esempio ha pagato solo il 40% dei bonus, benché noi avessimo superato ogni record di produzione.

Loro pensano che la gente non lotterà per la paura di perdere il lavoro. Ma noi siamo davvero arrabbiati. Il terzo “Giorno di Protesta” dei lavoratori di Tychy in programma per il 17 giugno non sarà educato come l’anno scorso.
Che cosa abbiamo ormai da perdere?

Adesso stanno chiedendo ai lavoratori italiani di accettare condizioni peggiori, come fanno ogni volta. A chi lavora per loro fanno capire che se non accettano di lavorare come schiavi qualcun altro è disposto a farlo al posto loro. Danno per scontate le schiene spezzate dei nostri colleghi italiani, proprio come facevano con le nostre.

In questi giorni noi abbiamo sperato che i sindacati in Italia lottassero. Non per mantenere noi il nostro lavoro a Tychy, ma per mostrare alla FIAT che ci sono lavoratori disposti a resistere alle loro condizioni. I nostri sindacati, i nostri lavoratori, sono stati deboli. Avevamo la sensazione di non essere in condizione di lottare, di essere troppo poveri. Abbiamo implorato per ogni posto di lavoro. Abbiamo lasciato soli i lavoratori italiani prendendoci i loro posti di lavoro, e adesso ci troviamo nella loro stessa situazione.

E’ chiaro però che tutto questo non può durare a lungo. Non possiamo continuare a contenderci tra di noi i posti di lavoro. Dobbiamo unirci e lottare per i nostri interessi internazionalmente.

Per noi non c’è altro da fare a Tychy che smettere di inginocchiarci e iniziare a combattere. Noi chiediamo ai nostri colleghi di resistere e sabotare l’azienda che ci ha dissanguati per anni e ora ci sputa addosso.

Lavoratori, è ora di cambiare”.

E’ opportuno ricordare che i lavoratori della Fiat di Pomigliano D’Arco sono stati chiamati a votare per accettare le condizioni che la FIAT gli ha posto per riportare in Italia la produzione della Panda prodotta in Polonia, a Tychy. Le condizioni imposte da Marchionne sono: sabato lavorativo, tre turni al giorno invece di due, pausa pranzo ridotta a mezz’ora, 120 ore di straordinari obbligatori e periodi di malattia non retribuiti. La lettera degli operai di Tychy è emblematica e persino tragica. Che cosa non si è disposti a fare pur di rimanere al lavoro? E segnala almeno un punto critico: perchè il sindacato italiano non ha nemmeno provato ad incontrare quei lavoratori impedendo così alla Fiat di cavalcare la guerra fra poveri per il posto di lavoro?