Niente di meglio per iniziare questa rubrica di post per Il Fatto on line che il lancio della manifestazione di giovedì 1 luglio che sto organizzando insieme a vari amici di movimento. Abbiamo scelto piazza Cordusio. L’ultima volta che manifestammo in quella piazza era per  dire NO alla via a Craxi. Diluviava. La via a Craxi fino ad ora a Milano non s’è vista. Domani speriamo nel bel tempo. E che il nostro impegno contribuisca a impedire l’approvazione di una legge pericolosa come il ddl Alfano, cha tutela la corruzione, non la privacy. Dalle ore 18,30. Venite e fate girare la voce! Di seguito il comunicato.

Milano Contro il Bavaglio

In difesa della giustizia, dell’informazione e della libertà di espressione su internet, in contemporanea con la manifestazione di Roma, anche Milano si mobilita contro il disegno di legge Alfano. Con il pretesto della privacy, questa legge, già approvata con voto di fiducia al Senato, limitando fortemente lo strumento di indagine delle intercettazioni telefoniche e ambientali, renderà i cittadini più indifesi di fronte al crimine comune e organizzato. La riduzione degli spazi di cronaca giudiziaria, in particolare della copertura giornalistica di inchieste di rilievo pubblico fino all’udienza preliminare, inoltre, comprimerà il diritto dei cittadini a essere informati, compromettendo la capacità di vigilanza democratica dell’opinone pubblica.

Proponiamo a tutti i cittadini, in modo indipendente dalle appartenenze di partito, di manifestare insieme a noi giovedì 1 luglio dalle ore 18,30 in piazza Cordusio.
Sul palco si alterneranno giornalisti, intellettuali, giuristi, rappresentanti di associazioni e movimenti della società civile attiva.

Tra i relatori già confermati ci sono:
Carlo Smuraglia, Gianni Barbacetto, Peter Gomez, Guido Besana, Vincenzo Consolo, Daniele Biacchessi, Mimmo Lombezzi, Piero Colaprico, Federico Sinicato, Massimo Alberizzi, Gilberto Pagani, Guido Scorza, Lorenzo Fazio.

Durante la manifestazione verranno lette intercettazioni di inchieste di rilievo pubblico, tratte dallo spettacolo “In galera!“, e notizie che non si potrebbero più dare.

I soggetti che promuovono la manifestazione sono i seguenti: (in ordine alfabetico)

11 Metri Officina Politica, Agende Rosse, Arci Milano, Associazione Saveria Antochia OMICRON, Le Girandole, LIBERA Milano, Libera Informazione, Libertà e Giustizia, Meetup 1 Grilli Milano, Giornalisti Senzabavaglio, Movimento Zeropuntotre Sogno, Nobavaglio.it, Popolo Viola Milano, Qui Milano Libera, Societa’ Pannunzio, Sos Racket e Usura, Sottolapanca.

Hanno aderito tra gli altri: l’Ordine dei giornalisti della Lombardia, la Cgil Lombardia, le case editrici Il Saggiatore e Chiarelettere.

Durante la giornata, prima dell’appuntamento in piazza Cordusio, sono previsti dieci punti di informazione e dialogo con i cittadini in vari punti della città. L’elenco completo delle piazze coinvolte è sulla pagina facebook.

Invitiamo, inoltre, tutti i cittadini ad attivarsi personalmente stampando e diffondendo in ogni luogo della città il volantino che mettiamo a disposizione online.
Si può trovare qui:

http://www.pieroricca.org/images/No-bavaglio-volantino.jpg