Sigilli alla discarica del “polveroni” Ilva: “È di un boss mafioso”

Sigilli alla discarica del “polveroni” Ilva: “È di un boss mafioso”

La Direzione distrettuale antimafia di Catania ha sequestrato la Cisma Ambiente Srl, titolare dell’omonima discarica di 550 metri cubi a Melilli (Siracusa) in cui sono state trasferite dall’Ilva di Taranto circa 40 mila tonnellate di polverino d’altoforno. Secondo i magistrati gli imprenditori Antonino Paratore e il figlio Carmelo, entrambi arrestati, sarebbero “prestanome” del boss ergastolano […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.