Se lavori troppo vai in carcere. A Seul arriva il riposo di Stato

Se lavori troppo vai in carcere. A Seul arriva il riposo di Stato

Nel 2008 Kwon Yong Seok aveva un’ulcera al fegato, la bocca amara, piena di alcol e sigarette. Lavorava 100 ore a settimana. Non riusciva a staccarsi da faldoni e scrivania neppure per andare a dormire. Era la sua dipendenza. “Ero esausto, ma non avevo il coraggio di smettere di lavorare, non sapevo cosa fare nella […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.