Piazza della Loggia, il sipario si chiude: il neofascista Tramonte estradato in Italia

Piazza della Loggia, il sipario si chiude: il neofascista Tramonte estradato in Italia

Si è chiusa ieri una delle storie più lunghe, intricate e misteriose d’Italia. Maurizio Tramonte, una delle due persone condannate in via definitiva all’ergastolo per la strage neofascista di piazza della Loggia a Brescia (28 maggio 1974, otto morti), è stato estradato in Italia dal Portogallo, dove si trovava dallo scorso giugno. Tramonte, nato il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.