Non solo Spada, le aggressioni ai giornalisti non finiscono mai

Non solo Spada, le aggressioni ai giornalisti non finiscono mai

Due settimane fa Roberto Spada, membro dell’omonimo clan malavitoso di Ostia, e il suo sodale Rubèn Nelson Alvarez Del Puerto, detto Rubèn Sosa come un vecchio campione dell’Inter, sono stati condannati dal tribunale di Roma a sei anni di reclusione con l’accusa di lesioni personali e violenza privata aggravate dal metodo mafioso. La sentenza di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.