L’ultima di Orbán: lavoro oggi, straordinari tra 3 anni. L’Ungheria scende in piazza

Operai e studenti contro l’emendamento. Il premier pensa a svuotare la Corte suprema
L’ultima di Orbán: lavoro oggi, straordinari tra 3 anni. L’Ungheria scende in piazza

“Più diritti meno Orbán” gridavano nei giorni scorsi per le strade di Budapest gli studenti universitari assieme ai lavoratori ungheresi riuniti dai sindacati davanti al Parlamento dove si stava discutendo la controversa riforma del codice del lavoro. Sia gli universitari preoccupati per le future condizioni di lavoro, sia chi già lavora però ha ottenuto l’esatto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.