L’intelligence e l’ambasciata: doppio vuoto italiano in Libia

Verso le elezioni - Il contestato ambasciatore Perrone non rientrerà, il capo dell’Aise Manenti è in via di sostituzione. Ma potrebbe restare
L’intelligence e l’ambasciata: doppio vuoto italiano in Libia

L’Italia rischia di affrontare il momento più delicato dell’infinita crisi libica senza i suoi esperti sul campo. L’ambasciatore Giuseppe Perrone non è mai tornato in Libia dopo le ferie e probabilmente non ci tornerà, il capo del servizio segreto estero (Aise) Alberto Manenti, che ha gestito la politica italiana in Libia, doveva essere sostituito insieme […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.