Leroy Merlin, licenziati tre volte. A loro insaputa

I 160 lavoratori riassunti più volte da società diverse, senza prendere il Tfr e perdendo gli scatti. Chi protesta viene sospeso via sms
Leroy Merlin, licenziati tre volte. A loro insaputa

La storia dei facchini di Leroy Merlin licenziati a loro insaputa comincia mesi fa, quando uno di loro riceve una telefonata dalla questura: “Lei ha dichiarato il falso. Ha detto di avere un lavoro mentre è disoccupato”. “Ma no! Ho le buste paga, l’estratto conto della banca…”, Mahmoud Zaki, 35 anni, egiziano, comincia a frugare […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora


entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora

© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.