La via crucis bancaria fa tappa al Creval. I perché di un disastro

L’istituto chiederà al mercato una cifra sei volte il suo valore di Borsa per chiudere con un passato di acquisti sconsiderati. I 150 mila soci al bivio: riaprire il portafogli o perdere tutto - All’interno - Energia & voto: la bolletta dei partiti Tracollo Finmeccanica: la Borsa affonda Profumo Trump nella centrifuga: i dazi non bastano
La via crucis bancaria fa tappa al Creval. I perché di un disastro

È passata sottotraccia negli ultimi anni, ma la crisi gravissima del Credito Valtellinese non ha nulla da invidiare alle emorragie bancarie più note: da Mps a Carige alle banche venete. Ora è arrivato l’epilogo. La banca, guidata dal 2010 da Miro Fiordi, il mese prossimo dovrà dare il via a un aumento di capitale da 700 […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.