La “Letizia” pubblica dell’aguzzino

Vittima & carnefice - L’omicidio di Laëtitia Perrais nel 2011 in Francia è stato vissuto come un affare di Stato: la furia di Sarkozy, i giudici sotto accusa. E la scena è stata tutta dell’assassino. Lei, Laëtitia, è “sparita”. Inghiottita dal ruolo di vittima

Laëtitia Perrais è stata rapita nella notte fra il 18 e il 19 gennaio 2011. Era una cameriera di 18 anni residente a Pornic, nel dipartimento della Loire-Atlantique. Conduceva una vita anonima nella famiglia a cui era stata affidata insieme alla sua gemella. L’assassino è stato arrestato nel giro di due giorni, ma ci sono […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.