La grande truffa della Metro C: 320 milioni per lavori mai fatti

A dieci anni di distanza, la nuova linea non è ancora pronta: perquisizioni della Finanza. 13 indagati, c’è anche l’ex dirigente delle Infrastrutture Incalza
La grande truffa della Metro C: 320 milioni per lavori mai fatti

Che la metro C fosse uno scandalo gigantesco, i romani lo sapevano da tempo: forse già da febbraio del 2006, quando l’Astaldi, la Vianini Lavori (gruppo Caltagirone), la coop rossa Ccc e Ansaldo Trasporti (ora venduta alla giapponese Hitachi) vinsero la gara per costruire la terza linea della metropolitana della capitale. Adesso, dopo dieci anni, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.