K-Flex: con una mano prende fondi dallo Stato, con l’altra licenzia

Dal ministero dello Sviluppo ha ottenuto 12 milioni, altri 23 dalla Simest (la società di Cdp). Ora delocalizza e caccia

L’espansione della K-Flex, azienda brianzola leader mondiale nel settore degli isolanti, è talmente sfuggita di mano che ha finito per buttare all’aria la sede italiana. Proprio a Roncello, dove 28 anni fa tutto è partito, l’impresa ha deciso di licenziare 187 lavoratori dei 243 impiegati nel sito. Motivo: “Lo squilibrio tra il mercato italiano e […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.