Il Giro delle polemiche si ferma tra le buche

Roma - I corridori protestano per l’asfalto rattoppato e i troppi sanpietrini: tappa neutralizzata. Tanto ha già vinto Froome
Il Giro delle polemiche si ferma tra le buche

Alle quattro e mezzo di un pomeriggio caldo e blindato per prevenire attentati e impedire proteste, mentre è già in scena l’ultima tappa del Giro 2018 partito il 4 maggio da Gerusalemme, i corridori minacciano di fermarsi. Di sabotare la festa della corsa rosa. Di rovinare lo spettacolo in Mondovisione. Dicono che il tracciato è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.