Il dopo Marchionne: ora Torino ha paura di restare senza auto

La città e la sua fabbrica - Tre pareri sull’eredità dell’ex ad Fiat, tre voci contrastanti, concordi su un punto: l’incertezza nel futuro
Il dopo Marchionne: ora Torino ha paura di restare senza auto

Nella domenica di fine luglio, e nel caldo appena mitigato dai temporali, Torino parla della “disgrazia di Marchionne” soprattutto nei dehor dei bar di piazza San Carlo o davanti alle poche edicole aperte dove, ieri alle 11, i principali giornali – una volta tanto – erano già esauriti. “Disgrazia” è tradotto direttamente dal dialetto, e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.