Il caso Borsellino al Csm. Il fratello attacca i giudici

Strage via D’Amelio - Come chiesto dalla figlia, il Consiglio, alla luce delle motivazioni del processo “quater”, si occuperà oggi della vicenda
Il caso Borsellino al Csm. Il fratello attacca i giudici

“È stato un depistaggio di Stato, iniziato subito dopo la strage di Via D’Amelio. Ad organizzarlo è stato qualcuno che sapeva come erano andate le cose e come era stato organizzato l’attentato, qualcuno che avrebbe potuto, quindi, arrivare ai veri autori della strage e che, invece, ha deciso che quella storia fosse raccontata in maniera […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.