Gesù, quel poco che sappiamo

I Vangeli sono racconti biografici sui generis, sorti nelle comunità per comprendere più a fondo la vita e gli insegnamenti della persona pubblica di Cristo, ma sono pieni di lacune sui dettagli

Se, per usare un espediente anacronistico, dovessimo compilare, in base alla documentazione più antica, la “carta d’identità” di Gesù, che cosa scriveremmo? Le note mancanti, o almeno incerte, non sarebbero poche. Nome. Il nome biblico di riferimento è Yehoshua, Giosuè, che significa “il Signore salva”. Da qualche secolo in ambito ebraico si è però soliti […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.