Eni-Nigeria, il processo che può cambiare il capitalismo italiano

I giudici devono stabilire se pagare un governo metta al riparo dalle accuse di corruzione o no. Da questo dipendono i destini di molte imprese che operano in Africa e Asia
Eni-Nigeria, il processo che può cambiare il capitalismo italiano

La prima udienza del processo più importante dell’anno arriverà il giorno dopo le elezioni, il 5 marzo 2018: l’Eni e diversi suoi top manager presenti e passati, assieme a Shell e a politici nigeriani, devono rispondere dell’accusa di corruzione internazionale per quella che per l’accusa è la più grande mazzetta della storia, 1,3 miliardi. Il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.