Dieci anni in più di energia nucleare

La riforma - Il presidente disattende le promesse. Delusi anche i Gilet gialli
Dieci anni in più di energia nucleare

Emmanuel Macron prende tempo sul nucleare e rinvia di dieci anni, dal 2025 al 2035, l’ambizioso obiettivo che si era fissato il suo predecessore, François Hollande, di ridurre, dall’attuale 75%, al 50% la quota dell’atomo nella produzione di energia elettrica in Francia. Si tratterà di chiudere 14 reattori di 900 megawatt (su un parco di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.