Dal Marocco all’Iraq la sfida a Risiko degli ayatollah

Teheran destabilizza l’intera regione araba per arginare il dirimpettaio sunnita, sponsor di gruppi jihadisti rivali
Dal Marocco all’Iraq la sfida a Risiko degli ayatollah

L’uscita dall’accordo sul nucleare iraniano decisa da Trump, il presidente americano più filo-Israele degli ultimi vent’anni, ha fatto esultare gli iraniani conservatori e anche i parlamentari dell’ala antiriformista fedeli alla Guida Suprema, l’ayatollah Ali Khamenei che ieri ha definito lo strappo di Trump: “Stupido, superficiale” e frutto di “almeno 10 bugie”. Alcuni di loro, subito […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.