Casinò e miniere, il mal d’Africa dei clan corsi

Bastia - La mafia dell’isola punta sulle ex colonie francesi, rischio di faida dopo i nuovi omicidi
Casinò e miniere, il mal d’Africa dei clan corsi

I killer li stavano aspettando all’uscita dell’aeroporto di Bastia-Poretta. I bersagli, due figure di peso della criminalità corsa. Antoine Quilicini, 49 anni, detto Tony le boucher (“Tony il macellaio”), è morto subito, con un colpo alla testa. Jean-Luc Codaccioni, 54 anni, ferito gravemente, è spirato qualche ora dopo all’ospedale di Bastia. Era il 5 dicembre, […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.