Camilleri-Tiresia, il cieco capace di scorgere il nostro assoluto

Lo scrittore al Teatro Greco con le “Conversazioni”: “Vederci distrae dal pensiero, immerso nella nebbia metto in conto la malinconia. Non vedo l’ora di andare a dormire, perché la notte io vedo”
Camilleri-Tiresia, il cieco capace di scorgere il nostro assoluto

Andrea Camilleri non ci vede ma si mette in tasca gli acciacchi dei suoi 93 anni e se ne parte da Roma per arrivare a Siracusa. Prende possesso del Teatro Greco e solo una cosa si merita: un grazie con inchino, tanto è maestosa la sua messa in opera, Conversazione su Tiresia. Un suo testo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.