Aeroporto da fare: la Libia “caccia” le imprese italiane

Rapporti difficili - Il governo di Tobruk straccia il contratto voluto da quello di Tripoli e accusa: “Clima di corruzione. Non c’è stata gara”
Aeroporto da fare: la Libia “caccia” le imprese italiane

L’aeroporto internazionale di Tripoli non sarà ricostruito dal consorzio italiano che si era aggiudicato, in base a criteri tutti da chiarire, il contratto. A mettere la parola fine, almeno per ora, è stato il governo libico di Tobruk, con un documento firmato da Munir Ali Asr, ministro dell’Economia e dell’industria. Il governo di Tobruk, appoggiato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.