Addio a Gualtiero Marchesi artista della cucina “totale”

Non solo uno chef: per ispirarsi, ascoltava le fughe di Bach e leggeva Kierkegaard
Addio a Gualtiero Marchesi artista della cucina “totale”

Gualtiero Marchesi non era un cuoco – mai pronunciare in sua presenza la parola chef – era un artista. Sì, perché uno che ti metteva l’oro sul risotto, che si commuoveva davanti alla Pietà Rondanini di Michelangelo – ogni volta, come un bambino – e che, per ispirarsi, ascoltava le fughe di Bach o ammirava […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.