Stati Uniti

I “renitenti” russi chiedono asilo, ma l’Immigrazione li rispedisce a casa

Implacabili - Il pericolo del fronte non è motivo di accoglienza. Gli Stati Uniti hanno ripreso a rimpatriare con la forza i cittadini russi nel loro Paese

Di Fq
19 Marzo 2023

Gli Stati Uniti non sono un porto sicuro per i russi che fuggono dalla chiamata alle armi. Una contraddizione evidente, vista la posizione critica di Washington sull’invasione dell’Ucraina avviata dal Cremlino. Se all’inizio della guerra, un anno fa, gli Stati Uniti si erano dimostrati disponibili ad accogliere i russi che chiedevano asilo con la motivazione […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 11,99€ al mese per 12 mesi
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione