Fatto con i piedi

Smaltimento dei rifiuti da costruzione, il nuovo decreto è già da rifare

I tecnici del ministero a lavoro per aggiustare la norma entrata il vigore a inizio novembre. Per l’Associazione nazionale dei produttori di aggregati riciclati, la norma “segna il de profundis per il settore della gestione dei rifiuti inerti e condannerà a finire in discarica circa 32 milioni di tonnellate di scarti".

Di Pietro Mecarozzi
29 Novembre 2022

Il nuovo decreto End of waste sui rifiuti da costruzione e demolizione è entrato in vigore il 4 novembre e ha già bisogno di un “tagliando”. Il ministero dell’Ambiente e della Sicurezza energetica è infatti già al lavoro per capitalizzare i 180 giorni di tempo che la norma ha fissato per dare modo al dicastero […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 11,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Gentile utente ti informiamo che gli articoli 4 e 6 delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori” relativi, in particolare, all’accesso ai contenuti e alle notizie pubblicate sul sito sono stati modificati.

Ti invitiamo quindi a prendere visione della nuova versione delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori”, cliccando qui