Bitcoin e dintorni

L’operazione “trasparenza” degli exchange per fermare il crollo delle cripto

Acque agitate - Dopo i fallimenti (Ftx ma anche Terra e Luna) e fughe di capitali, l'industria delle monete virtuali provano a rivelare le loro riserve, ma non sono certificate da revisori esterni

21 Novembre 2022

Si chiama proof of reserve, la prova delle riserve, e potrebbe essere uno dei modi con cui l’industria delle criptovalute può cercare di ricostruire il patto di fiducia con gli utenti in questo clima di caos totale, tra fallimenti (vedi Ftx ma anche Terra e Luna) e fughe di capitali che fanno crollare il prezzo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 11,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Gentile utente ti informiamo che gli articoli 4 e 6 delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori” relativi, in particolare, all’accesso ai contenuti e alle notizie pubblicate sul sito sono stati modificati.

Ti invitiamo quindi a prendere visione della nuova versione delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori”, cliccando qui