Lettera da New York

Aumentano (poco) i carburanti, americani in crisi

Il prezzo del greggio è tornato sotto $90 al barile e la benzina è scesa sotto i $4 al gallone (3,785 litri), un sogno per gli europei abituati a prezzi ben più alti. Ma, nonostante una tassa sui carburanti bassissima rispetto agli standard del Vecchio continente, gli statunitensi protestano perché non sanno fare a meno dell'auto. Però c'è anche chi vuole mezzi pubblici più efficienti

Di Chiara Basso
18 Agosto 2022

Anche negli Stati Uniti, come ovunque nel mondo, il prezzo del petrolio era andato alle stelle con l’inizio della guerra in Ucraina tra le lamentele della gente che, per far fronte all’emergenza, aveva modificato le proprie abitudini, riducendo viaggi e spostamenti per lavoro in auto e previsioni catastrofiche di analisti certi che il prezzo del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 11,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.