L'inchiesta

Vassallo, dietro l’omicidio l’ombra dei pentiti vicini all’ufficiale dell’Arma

Terza puntata - Il confidente Salvatore Ridosso, figlio del boss Romolo: “L’uccisione fu decisa dal boss Raffaele Maurelli che guidava il traffico di droga al porto. Provò a corrompere e ricattare il sindaco pescatore, senza riuscirci”. Il primo cittadino venne ucciso nel settembre del 2010

18 Agosto 2022

Ci potrebbe essere la maldestra e scellerata gestione di pentiti e confidenti dietro le ragioni dell’uccisione del sindaco pescatore di Pollica Angelo Vassallo. Quei collaboratori borderline che a vario titolo ruotavano intorno ai carabinieri agli ordini del colonnello Fabio Cagnazzo, e che ne fecero le fortune professionali: 180 latitanti catturati dal nucleo investigativo di Castello […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 11,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Gentile utente ti informiamo che gli articoli 4 e 6 delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori” relativi, in particolare, all’accesso ai contenuti e alle notizie pubblicate sul sito sono stati modificati.

Ti invitiamo quindi a prendere visione della nuova versione delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori”, cliccando qui