USA E UE STANNO A GUARDARE 10 minuti

La Turchia del “dittatore che ci serve” è una prigione

Recep Tayyip Erdoğan si è ritagliato un ruolo centrale nella crisi ucraina mentre l’Europa si volta dall'altra parte sul tema dei diritti umani: dai giornalisti in carcere solo per un post Facebook al genocidio del popolo curdo, armato dall’Occidente contro l’Isis e poi dimenticato

Di Walter Molino
13 Luglio 2022

Recep Tayyip Erdoğan è presidente e fondatore del partito APK, primo ministro dal 2001 al 2014 e da allora Presidente della Turchia. Il Paese è sotto i riflettori per il ruolo di mediazione che tenta di svolgere nella guerra tra Ucraina e Russia, rimanendo sul filo dell’equilibrio tra Nato e Cremlino. Pur avendo condannato l’invasione […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Gentile utente ti informiamo che gli articoli 4 e 6 delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori” relativi, in particolare, all’accesso ai contenuti e alle notizie pubblicate sul sito sono state modificati.

Ti invitiamo quindi a prendere visione della nuova versione delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori”, cliccando qui