Il Sudan guarda a Est

Khartum parla russo e adesso apre agli amici del Cremlino

Convenienze reciproche - Dopo l’ultimo golpe militare gli Stati Uniti e la Banca Mondiale hanno sospeso i fondi. Nel febbraio scorso le casse dello Stato erano vuote: Mosca ha offerto aiuti, in cambio di un porto sul Mar Rosso

Di Gwenaelle Lenoir
27 Giugno 2022

Mentre la Russia celebrava la sconfitta della Germania nazista, il 9 maggio scorso, anche a Khartum, la capitale del Sudan, a 6.000 chilometri dal Cremlino, si commemorava la Giornata della vittoria. Un fatto passato per lo più inosservato dai media internazionali. Una dozzina di veicoli, con le bandiere russe e sudanesi ai finestrini, ha sfilato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Gentile utente ti informiamo che gli articoli 4 e 6 delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori” relativi, in particolare, all’accesso ai contenuti e alle notizie pubblicate sul sito sono state modificati.

Ti invitiamo quindi a prendere visione della nuova versione delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori”, cliccando qui