Lettera da Parigi

Macron balla da solo: nessun nuovo “alleato” a fargli da stampella

Amici e nemici - Il voto alle legislative di domenica scorsa non ha garantito al presidente una comoda maggioranza assoluta in Parlamento e così lui si è appellato alle forze politiche per la costruzione di una coalizione più ampia. L'hanno snobbato tutti. Dovrà cercare l'accordo di volta in volta

Di Luana De Micco
24 Giugno 2022

Mercoledì sera, in un sbrigativo discorso tv, meno di otto minuti, Emmanuel Macron ha dato 48 ore ai partiti dell’opposizione per riflettere e far sapere se vogliono o no lavorare con lui in Parlamento e, se sì, come: se sono pronti cioè a unirsi a Ensemble per costituire una coalizione più ampia o se preferiscono […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Gentile utente ti informiamo che gli articoli 4 e 6 delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori” relativi, in particolare, all’accesso ai contenuti e alle notizie pubblicate sul sito sono state modificati.

Ti invitiamo quindi a prendere visione della nuova versione delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori”, cliccando qui