Lettera da Ankara

Erdogan usa la “disinformazione” per colpire la stampa

Nuovo bavaglio - Il Partito Akp del presidente turco e l'alleato nazionalista Mhp hanno presentato un disegno di legge che modifica la legge sulla stampa e prevede pene detentive per la “diffusione di disinformazione” valida anche per i post sui social media. Una chiara mossa per reprimere il dissenso prima delle elezioni

10 Giugno 2022

Si chiude ulteriormente l’orizzonte per i giornalisti indipendenti turchi. Lo denunciano con una dichiarazione congiunta anche 23 gruppi internazionali, tra cui la Federazione internazionale dei giornalisti (IFJ) e la Federazione europea dei giornalisti (EFJ) che hanno chiesto al governo di ritirare la nuova “legge sulla disinformazione”. I parlamentari del Partito per la giustizia e lo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.