Lettera da New York

Aborto, armi, religione: la Corte Suprema decide il futuro degli Usa

Entro la fine di giugno - I magistrati – di cui sei su nove conservatori e, di questi, tre nominati da Trump – sono chiamati a esprimersi su questioni dirimenti:  la sentenza Roe v. Wade che da quasi 50 anni garantisce l'interruzione di gravidanza; il diritto, sancito dal Secondo Emendamento, di possedere armi; la libertà religiosa

Di Chiara Basso
9 Giugno 2022

Ai giudici della Corte Suprema americana mancano ancora 29 casi da risolvere entro la fine di giugno prima di godersi la pausa estiva. Tradizionalmente, la più alta corte Usa si trova un po’ ingolfata di pratiche prima dell’estate, ma quest’anno pare lo sia più del solito. E i nodi da sciogliere non sono di poco […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.