La ricerca

Aborto e obiettori, per capire se la 194 funziona servono più dati

"Mai Dati" - L'indagine di Chiara Lalli e Sonia Montegiove è diventata un libro. Dopo quasi un anno dalla prima richiesta di accesso agli atti agli ospedali italiani, non è ancora possibile realizzare un tracciamento affidabile dell'obiezione di coscienza e del funzionamento del servizio di interruzione volontaria di gravidanza

31 Maggio 2022

“Sai cosa sarebbe bello fare? Una mappa digitale per le donne che vogliono richiedere un’interruzione volontaria di gravidanza e che, con un semplice tocco sopra il nome della struttura sanitaria alla quale intendono rivolgersi, possono vedere la percentuale dei medici ginecologi obiettori di coscienza”. Un’idea semplice, che si fa già in Spagna e Regno Unito, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.